Le targhe diventano portabili: cosa significa?
Codice della strada

Le targhe diventano portabili: cosa significa?

22 Mar 2019
80 0
Archivio categorie >

La notizia è freschissima, dettata dall’annuncio del ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Danilo Toninelli: le targhe di automobili e moto saranno rese portabili e diventeranno pertanto personali. Si tratta di una novità – che poi novità non è, dal momento che è stata più volte una tematica di attualità – che riguarda da vicino gli automobilisti e che comporterà delle conseguenze: vediamo quali.

 

Cosa cambia con la portabilità delle targhe

In realtà quella annunciata dal ministro in Parlamento il 21 marzo è una misura che esiste già: si tratta infatti di una norma presente dal 2010, ma che – come in altri casi – è rimasta inattuata. La legge 120 del 2010 aveva infatti apportato una “miniriforma” del Codice della strada, con il nuovo comma 3-bis aggiunto all’articolo 100 che introduceva la portabilità della targa: tuttavia, il Decreto del Presidente della Repubblica necessario per rendere attuativo il provvedimento non è stato mai emanato.

Ora le parole di Toninelli hanno rilanciato il tema. Se, come pare, l’intenzione del ministro è quella di riprendere la norma già esistente e sbloccarla, l’entrata in vigore delle targhe portabili renderà la targa personale, non più legate al veicolo bensì agli automobilisti: chi acquista un nuovo veicolo riceve una nuova targa, che resterà a lui legata per i successivi 15 anni. Dopodiché sarà necessario provvedere al rinnovo alla prima pratica burocratica riguardante la carta di circolazione.

 

Targa auto personale: i vari casi

Cosa succede se si cambia auto? Semplice: la targa personale viene trasferita dalla vecchia automobile a quella nuova: basterà segnalarlo al concessionario, e i costi calcolati dal Ministero prevedono un risparmio medio di 41,78 euro. Se invece la compravendita avviene tra privati, come nel caso di acquisto di un’auto usata, nell’ambito del passaggio di proprietà chi vende cede soltanto il mezzo ma non la targa: spetterà all’acquirente mettere sul nuovo veicolo la propria targa personale che aveva sulla sua auto precedente (oppure richiederne una nuova, se non ne ha una).

E se chi vende l’auto non ne acquista una nuova? Rimane con una targa personale inutilizzata ed è quindi obbligato a restituirla. È importante sottolineare che i trasferimenti di targa da un mezzo all’altro sono possibili solo se entrambi sono soggetti allo stesso regime di targatura: non si potrà, per esempio, mettere la targa della moto su un’automobile. Sono poi previste delle eccezioni, come nel caso dei veicoli da collezione e di interesse storico che manterranno sempre la targa attuale. Infine, la targa personale non va confusa con la targa personalizzata: in Italia, a differenza di altri Paesi come Usa e Germania, non è possibile scegliere cosa scrivere sulla targa, e non lo sarà a breve.

Condividi la notizia

iperauto-codice-strada-ritiro-patente-omicidio-stradale-l.jpg
21 Feb
CODICE DELLA STRADA

La Consulta: revoca della patente solo per alcol o droga

Sono giorni caldi questi per le modifiche al Codice della Strada in fase di discussione alla Commiss...

iperauto-biciclette-codice-strada-2019-novita-norme-l.jpg
11 Feb
CODICE DELLA STRADA

Bici contromano e corsie riservate: al vaglio nuovi provvedimenti

Sono in fase di discussione alla Camera, all’interno della Commissione Trasporti deputata, alcune ...

iperauto-nuovi-autovelox-tangenziale-morbegno-valtellina-ss38-l.jpg
16 Gen
CODICE DELLA STRADA

Nuovi autovelox sulla tangenziale di Morbegno

Dopo che il lungo iter progettuale e realizzativo si è concluso lo scorso 29 ottobre, con l’apert...

< Chiudi

NOTIZIE PIÙ LETTE

SS36 Colico-Lecco, attivi i 4 autovelox
22 Mar
CODICE DELLA STRADA

SS36 Colico-Lecco, attivi i 4 autovelox

Sono entrati ufficialmente in funzione i quattro autovelox posizionati sulla SS36 tra Lecco e Colico, che dalla scorsa estate rappresentano lo spaurac...

Richiesta Informazioni

Rispondiamo entro 24 ore!

l'informativa sulla privacy

I campi contrassegnati da * sono obbligatori